F1, GP d’Austria: la Ferrari 71-75 di Carlos Sainz prende fuoco

Al GP d’Austria, la Ferrari del pilota spagnolo in corsa si ferma e prende fuoco. Carlos Sainz in quell’attimo riesce a uscire dall’abitacolo della sua vettura mentre sono attimi di panico e paura. Per gli amanti del gioco digitale, il sito offre varietà di giochi d’azzardo dove è possibile usufruire del bonus di benvenuto del casino 22bet in più tante altre ricche promozioni per cogliere l’occasione di continuare a giocare con il gioco con cui si desidera divertirsi. Inoltre, la piattaforma consente a tutti gli utenti di accedere al mobile con qualsiasi dispositivo e anche poter giocare in modalità live.

Cosa è accaduto

La Ferrari ha vinto gli ultimi due Gran Premi, quello a Silverstone con Carlos Sainz e Charles Leclerc in Austria, ma non tutto è andato bene. Perchè in menopausa il peso cambia? Una questione di metabolismo ed una sofferenza per la maggior parte delle donne dove per avere informazioni utili sull’argomento, si può leggere questo link. Carlos Sainz vive una domenica tremenda dalla sua Ferrari SF-75 dopo aver compiuto 58 giri in una corsa perfetta. Ma il problema del pilota spagnolo accade  ai 13 giri dal traguardo, mentre cercava di superare Max Verstappen ha ceduto la sua power unit. L’auto di Carlos Sainz inizia a perdere potenza, esce del fumo bianco dal tubo di scappamento e comincia a scoppiettare, ma lo spagnolo fa n tempo ad arrivare nel rettilineo che porta a curva 4 del Red Bull Ring, dove l’auto si ferma e prende fuoco. Carlos Sainz è molto svelto poichè riesce a uscire dall’abitacolo prima di essere investito dalle fiamme, quindi il pilota a causa dell’impreparazione dei commissari di gara del circuito ha rischiato la vita ma nello stesso tempo è stato fortunato. Inoltre, l’intervento di uno steward cerca di bloccare le ruote della Ferrari e si occupa allo spegnimento del fuoco, in quell’attimo si espande panico e sotto gli occhi di tutti ecco l’impreparazione della gestione dell’autodromo che non interviene.

Nessun intervento

Ma come mai l’intervento in pista per aiutare Carlos Sainz in un incendio non è arrivato tempestivamente? Una grave mancanza di attenzione non solo nei confronti del pilota spagnolo che poteva rischiare la vita, ma soprattutto una disattenzione totale dall’autodromo che tuttavia non è normale. Infatti per Sainz sono stati attimi di paura dove in quel momento si è visto gli uomini di soccorso senza preoccuparsi dell’incendio della vettura agire con molta calma come se a quelle persone non interessava il rischio della vita del pilota. Insomma per l’autodromo austriaco Carlos Sainz poteva anche morire che quel tipo di salvataggio è come se non ci fosse stato.

Le parole di Carlos Sainz

Il pilota spagnolo, dopo l’incidente ha commentato a sue parole: ” Mi sono accorto del fuoco tramite gli specchietti della mia auto, e mi sono accorto che nessuno è arrivato per spegnerlo, come nessuno è venuto a salvarmi. Quando mi sono accorto del mancato soccorso sono uscito dall’abitacolo dato che le fiamme aumentavano. Questo comportamento è un qualcosa su cui si dovrà comunque indagare perché quando accadono queste cose, bisogna agire immediatamente e non con calma”- ha sottolineato il pilota spagnolo. Inoltre Carlos Sainz ha continuato il discorso dichiarando: “Non ho avuto nessuna avvisaglia riguardo le rotture, sicuramente bisogna lavorare di più sull’affidabilità della vettura!”- ha concluso Carlos Sainz.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.